logo
Per le sue notti serene
Parliamone con la pediatra.
Il medico può aiutarti a gestire tutto al meglio

Le risposte della pediatra per i problemi di enuresi

Capita che i bambini bagnino il letto durante la notte. Si tratta di una situazione molto più frequente di quanto i genitori possano immaginare che, fino ai 5 anni, non dovrebbe destare allarmismo o preoccupazione nelle famiglie.

CERCA TRA LE VOSTRE DOMANDE

Le domande sono elencate in ordine cronologico. Utilizza il motore di ricerca per cercare quella che ti interessa,filtrando per parola chiave, sesso ed età del bambino.

Salve, vorrei sapere se c'è un modo corretto per abituare il bimbo a non fare la pipì a letto, come per esempio far fare la pipì prima di nanna o svegliarlo di notte per andare in bagno..? grazie

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentilissima, esistono delle norme comportamentali che possono aiutare e facilitare a togliere il pannolino la notte riducendo la quantità di urine prodotte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata gli ricordi di urinare ogni 2,5-3 ore e gli insegni a contrarre bene i muscoli addominali stando in piedi e non seduto sul W.C.(riuscirà a svuotare meglio la vescica). 3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarlo nei giorni blu e di premiarlo nei giorni di sole per incentivarlo ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.

Cosa devo fare, che il bambino non fa più la pipi nel letto? lui ha un sonno molto forte, cosi' non sente di andare al gabinetto.

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile signora, molto dipende dall'età del bambino. Il fatto che il bambino non si accorga di aver fatto al pipì a letto e non si riesca a svegliare è un fatto comune.Il controllo completo dell’enuresi potrebbe richiedere del tempo, è considerato possibile e ancora normale il mancato controllo delle urine nella notte fino all’età di sei anni. Adotterei ancora per qualche tempo le specifiche mutandine assorbenti e nel frattempo gli farei adottare uno stile di vita tale da ridurre la produzione notturna di urine: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata ricordare di urinare ogni 2,5-3 ore gli insegni a contrarre bene i muscoli addominali stando in piedi e non seduto sul W.C.(riuscirà a svuotare meglio la vescica), 3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) Dovrà risolvere l’eventuale presenza di stipsi (feci dure), perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Gli faccia fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Cerchi di invogliarla a impegnarsi anche facendole compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli, e provi a premiare i giorni di sole! Cordiali saluti.

Salve mia figlia fa 5 anni fra pochi mesi ma ancora la notte devo mettere il pannolino. volevo sapere se è normale. addirittura il suo fratellino ke è piu piccolo di un anno non l ho mette più la notte. che mi consigliate?

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile signora, il controllo completo dell’enuresi richiede del tempo, è considerato possibile e ancora normale il mancato controllo delle urine nella notte fino all’età di sei anni. Nel caso della sua bambina potrebbe rientrare ancora nella fisiologia dello sviluppo e delle acquisizioni normali. Utilizzerei ancora per qualche tempo le specifiche mutandine assorbenti e nel frattempo gli farei adottare uno stile di vita tale da ridurre la produzione notturna di urine: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata ricordare di urinare ogni 2,5-3 ore contraendo bene i muscoli addominali stando seduta sul W.C. con le gambe ben divaricate, ben appoggiate su un rialzo e il viso rivolto al muro (riuscirà a svuotare meglio la vescica).3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) Dovrà risolvere l’eventuale presenza di stipsi (feci dure), perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Gli faccia fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Cerchi di invogliarla a impegnarsi anche facendole compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli, e provi a premiare i giorni di sole! Se fra qualche mese avrà ancora questo problema allora si procuri il nominativo di uno specialista che si occupi di enuresi notturna per poterla curare nel modo migliore possibile. Cordiali saluti.

Mia figlia ha 3 anni e non vuole togliersi il pannolino .. Appena lo tolgo mi sporca dappertutto come devo fare? Grazie mille per la disponibilità

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile signora, il controllo completo dell’enuresi richiede del tempo, è considerato possibile e ancora normale il mancato controllo delle urine nella notte fino all’età di sei anni. Utilizzerei ancora le specifiche mutandine assorbenti e nel frattempo gli farei adottare uno stile di vita tale da ridurre la produzione notturna di urine: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata ricordare di urinare ogni 2,5-3 ore contraendo bene i muscoli addominali stando seduta sul W.C. con le gambe ben divaricate, ben appoggiate su un rialzo e il viso rivolto al muro (riuscirà a svuotare meglio la vescica).3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) Dovrà risolvere l’eventuale presenza di stipsi (feci dure), perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Gli faccia fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Cerchi di invogliarla a impegnarsi anche facendole compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli, e provi a premiare i giorni di sole! Se fra qualche mese avrà ancora questo problema allora si procuri il nominativo di uno specialista che si occupi di enuresi notturna per poterla curare nel modo migliore possibile. Cordiali saluti.

salve volevo sapere quanto tempo dovrà tenere il pannolino di notte mia figlia di 3 anni? le ho tolto il pannolino i primi di luglio ed è stata davvero brava! ora però quando dorme non la trattiene.. sia nei riposini pomeridiani che di notte ovviamente. come faccio a farle capire che la deve trattenere?

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile Signora, il controllo completo dell’enuresi richiede del tempo, è considerato possibile e ancora normale il mancato controllo delle urine nella notte fino all’età di sei anni. Continui ad utilizzare i pannolini specifici per la notte per qualche tempo cercando di ridurre al minimo il disagio della bimba. Le farei adottare inoltre delle norme comportamentali atte a ridurre la quantità di urine che produce nella notte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata ricordare di urinare ogni 2,5-3 ore contraendo bene i muscoli addominali stando seduta sul W.C. con le gambe ben divaricate, ben appoggiate su un rialzo e il viso rivolto al muro (riuscirà a svuotare meglio la vescica).3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi ad usare i colori, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarla nei giorni blu e di premiarla nei giorni di sole per incentivarla ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.

mio figlio ha 8 anni da quando ha 2 anni e mezzo sto cercando di togliere il pannolino. Si ha problemi psichici, ma durante il giono sa quando fare pipi ma x pigrizia o perche concentrato a giocare a volte si dimentica. ma la notte...niente . Gli metto i drynites 8/15 e non bastano e in più sopra metto anche la mutandina degli adulti.nonostante ciò e capace di bagnare tutto il letto. lui si arrabbia e dice che non si accorge e vedo che ci rimane male. E frustante!!

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile signora, all’età di 8 anni è necessario trovare uno specialista urologo che sappia occuparsi di enuresi notturna in modo da avere un riferimento per le varie problematiche che possono presentarsi e decidere se iniziare la terapia farmacologica. Il fatto che non riesca svegliarsi la notte è assolutamente comune fra i bimbi che presentano enuresi. Inizi con il fargli adottare delle norme comportamentali atte a ridurre la quantità di urine che produce nella notte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata gli ricordi di urinare ogni 2,5-3 ore e gli insegni a contrarre bene i muscoli addominali stando in piedi e non seduto sul W.C.(riuscirà a svuotare meglio la vescica). 3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarlo nei giorni blu e di premiarlo nei giorni di sole per incentivarlo ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.

Salve mia figlia di 5.anni fa la.pipi la.notte.vuole ancora messo il.pannolino perché si sente sicura e puntualmente al mattino il pannolino è pieno?come posso togliere il pannolino e il disagio? Grazie in anticipo

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile Signora, il controllo completo dell’enuresi richiede del tempo, è considerato possibile e ancora normale il mancato controllo delle urine nella notte fino all’età di sei anni. Continui ad utilizzare i pannolini specifici per la notte per qualche tempo cercando di ridurre al minimo il disagio della bimba. Le farei adottare inoltre delle norme comportamentali atte a ridurre la quantità di urine che produce nella notte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata ricordare di urinare ogni 2,5-3 ore contraendo bene i muscoli addominali stando seduta sul W.C. con le gambe ben divaricate, ben appoggiate su un rialzo e il viso rivolto al muro (riuscirà a svuotare meglio la vescica).3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi ad usare i colori, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarla nei giorni blu e di premiarla nei giorni di sole per incentivarla ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.

La mia bambina di notte fa la pipì a letto e purtroppo gli devo mettere il pannolino come faccio per toglierlo grazie

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile Signora, il controllo completo dell’enuresi richiede del tempo, è considerato possibile e ancora normale il mancato controllo delle urine nella notte fino all’età di sei anni. Se la sua bimba ha tra i 6-7 anni come indicato dalla scheda, inizierei quindi a cercare uno specialista urologo che si occupa di enuresi notturna. Nel frattempo le farei adottare delle norme comportamentali atte a ridurre la quantità di urine che produce nella notte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata ricordare di urinare ogni 2,5-3 ore contraendo bene i muscoli addominali stando seduta sul W.C. con le gambe ben divaricate, ben appoggiate su un rialzo e il viso rivolto al muro (riuscirà a svuotare meglio la vescica).3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi ad usare i colori, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarla nei giorni blu e di premiarla nei giorni di sole per incentivarla ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.

Buongiorno pediatra Avrei bisogno di chiederle dei consigli su mio nipote di 10 anni e fa ancora la pipì a letto e non so come affrontare la situazione Cordiali saluti Veronica

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile signora, all’età di dieci anni è necessario trovare uno specialista che sappia occuparsi di enuresi notturna in modo da avere un riferimento per le varie problematiche che possono presentarsi e decidere se iniziare una terapia farmacologica.Inizi con il fargli adottare delle norme comportamentali atte a ridurre la quantità di urine che produce nella notte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata gli ricordi di urinare ogni 2,5-3 ore e gli insegni a contrarre bene i muscoli addominali stando in piedi e non seduto sul W.C.(riuscirà a svuotare meglio la vescica). 3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi ad usare i colori, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarlo nei giorni blu e di premiarlo nei giorni di sole per incentivarlo ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.

Buongiorno, sono la mamma di un bimbo di quasi 6 anni. Da quando aveva due anni e mezzo gli abbiamo tolto il pannolino la notte e da allora non ha mai smesso di fare pipì a letto. Cè qualche soluzione che possiami adottare? Grazie

Risponde la dott.sa Chiara Peila

Gentile signora, all’età di sei anni è necessario trovare uno specialista che sappia occuparsi di enuresi notturna in modo da avere un riferimento per le varie problematiche che possono presentarsi e decidere se iniziare una terapia farmacologica. Inizi con il fargli adottare delle norme comportamentali atte a ridurre la quantità di urine che produce nella notte: 1) Gli faccia bere mezzo litro di acqua durante la mattinata (entro le 12.00), mezzo litro entro le ore 16.00 e un bicchiere a cena (la buona idratazione delle cellule del nostro corpo durante la giornata ci porta ad avere meno sete alla sera). 2) Durante la giornata gli ricordi di urinare ogni 2,5-3 ore e gli insegni a contrarre bene i muscoli addominali stando in piedi e non seduto sul W.C.(riuscirà a svuotare meglio la vescica). 3) Non gli dia da mangiare alimenti ricchi di calcio alla sera (latte, latticini, formaggi, uova...) perchè il calcio favorisce una maggiore produzione di urine durante la notte. 4) In caso di stipsi (feci dure) dovrà riuscire ad eliminarla, perchè questo amplificherebbe il problema riducendo la capacità di riempimento della vescica. 5) Fare sempre pipì prima di coricarsi. 6) Se il bambino ha voglia di impegnarsi ad usare i colori, gli faccia compilare un diario delle notti asciutte e delle notti bagnate disegnando su un foglio diviso a riquadri, un giorno per ognuno di questi, una nuvoletta blu ogni volta che il letto o il pannolino è bagnato e un sole bello giallo quando è asciutto. Il foglio è utile perchè deve fornire uno sguardo d’insieme dei vari giorni blu e gialli. Cerchi di rassicurarlo nei giorni blu e di premiarlo nei giorni di sole per incentivarlo ed aumentare il rinforzo positivo. Cordiali saluti.